testata testata testata testata

News

Tutte le news

20/06/2019

Relay of the Dolomites & O'bivwak

Metà mese è ormai passato e con lui due degli appuntamenti sportivi che mi ero prefissato sono alle spalle.

RELAY OF THE DOLOMITES
Dopo la Tiomila di aprile, la “Relay of the Dolomites” era uno dei momenti che più attesi per il mio Team GS Pavione: quest’anno schieravamo due squadre equilibrate e molto competitive che potevano ambire entrambe alla top ten, anche se ci mancavano le punte di diamante Fabiano e Damiano che lo scorso anno avevano fatto due frazioni di gran spessore. E logicamente c’era la squadra di Capitan Tuzzi!
Emi - Diego Scalet – Tiziano Bettega – Nicol Canova – Walter Bettega
Ivano Bettega – Giulia Gobber – Dennis dalla Santa – Giulia Rigoni – Aaron Gaio
Fabio dalla Riva – Adriano Bettega – Ester Simion – Chiara dalla Santa – Maurizio Castellaz

Scenario di gara spettacolare come nelle precedenti edizioni, forse anche di più: Saltria su all’Alpe di Siusi!!! Qualche difficoltà logistica per arrivare in zona gara nonostante fossi partito per tempo da casa non mi hanno permesso di scaldarmi come mi ero prefissato, e questo probabilmente mi ha un po’ condizionato in gara in quanto non sono partito totalmente “sereno” al lancio… Comunque la mia prova è volata via senza grossi errori con solo qualche sbavatura qua e la: semplicemente ci ho messo più del solito ad ingranare e quindi ho patito più del dovuto…

Tecnicamente la gara mi è sembrata più semplice delle precedenti edizioni: questo se forse aumenta la bagarre e la possibilità per le squadre “meno tecniche” di raggiungere la top ten, penalizza un po’ l’aspetto più orientistico in senso stretto. Speriamo in futuro si possa ritornare ad un giusto compromesso tra spettacolo dell’arena di gara e tecnicità della gara!
Inoltre mi sono goduto poco lo spettacolo perché dopo aver visto partire Nicol sono dovuto rientrare di corsa a Bologna per il saggio di ginnastica artistica della mia bambina: lasciare una staffetta a metà è stata una sensazione proprio strana e non propriamente piacevole, e pure lasciare anzitempo un posto come l’Alpe di Siusi mi è molto dispiaciuto, ma come sempre cerco di trovare il giusto equilibrio tra sport e famiglia.
Alla fine comunque un ottimo nono posto (migliorabile) per la mia squadra! E terza top ten di fila per noi…

Per la cronaca, il sabato al Passo Pinei (BZ) avevo corso il Campionato Trentino middle portandomi a casa il titolo trentino (terzo nella generale alle spalle di due svizzeri) della categoria Elite.

RISULTATI RELAY OF THE DOLOMITES
GPS RELAY OF THE DOLOMITES
RISULTATI CAMPIONATI TRENTINI MIDDLE
GPS CAMPIONATI TRENTINI MIDDLE

O’BIVWAK
Tappa di passaggio verso l’Adventure Race di settembre: con Mario, Andrea e Laure per il Nirvana Racing Team ci siamo recati in Francia a La Chapelle en Vercors – Drome per questo raid in orientamento di due giorni con bivacco notturno. MI aspettavo un qualcosa di simile alla SIMM (Suisse International Mountain Marathon) corsa lo scorso agosto con Mario in Svizzera (e finita malamente…  ), invece era una gara molto diversa: non tanto un trail in orientamento, ma di fatto due ultralong di orienteering corse su una carta al 20000 equidistanza 10m molto dettagliata. Gara quindi molto tecnica dove non si poteva mai rilassarsi mentalmente.

Abbiamo gareggiato divisi in due coppie (io e Andrea, Mario e Laure) riunendoci la sera al campo. Con noi nello zainetto tutto l’occorrente per passare la sera e la notte: tenda, sacco a pelo, frontale, fornellino e cibo.
Più di 2000 partecipanti nelle diverse categorie. Si, avete letto bene: alla fine più di 1000 coppie e uno spettacolo assurdo con la partenza in massa e al bivacco. Questi numeri hanno dell’incredibile, considerando poi che la maggior parte di queste coppie erano amatori e portavano con se zaini che potevano arrivare anche a 50-60 l … Circa 300 più o meno i top runners più agonisti, con zainetti tipo i nostri da 20 l e una cura maniacale nella scelta dei materiali per limitare al minimo il peso.

Dopo la prima giornata, nonostante la brutta caduta di Andrea all’inizio della gara che ha segnato pesantemente il suo ginocchio, ci trovavamo a condurre con circa 9’ di vantaggio sui secondi: gara pulita tecnicamente e buon ritmo per tutti i 25 km con 1200 m di dislivello percorsi in 3 ore e 29’ sotto un caldo sole.
Bellissimo come sempre il momento del bivacco: l’arrivare, scegliersi un posto per piantare la tenda, sistemare il sacco a pelo e cambiarsi con i vestiti pesanti, accendere il fornellino e mangiare qualcosina sdraiati sull’erba. A seguire camomilla o the e poi tutti a nanna.

Sveglia alle 5 sotto la pioggia con musicista (brasiliano???) che passava tra le tende, colazione veloce con the e barretta energetica, tenda nello zaino e via per lo start dato alle 6. Prevista la partenza a caccia, quindi noi eravamo la preda in fuga…
Purtroppo abbiamo avuto subito qualche problema all’inizio quando ti vengono consegnate le coordinate con i punti di controllo che devi riportare in mappa: sulla carta umida i nostri pennarelli indelebili che non ne volevano sapere di scrivere. Siamo andati quindi un po’ nel panico, non capendo subito che la cosa migliore da fare (e l’unica fattibile direi…) era partire prima che sopraggiungessero anche le altre squadre e individuare i punti di volta in volta. Quando abbiamo deciso il da farsi, i secondi hanno ben pensato di partire subito appresso a noi, riuscendo poi a far perdere le proprie tracce già nella prima parte di gara: per noi poi gara regolare sotto la pioggia ed il temporale (un solo errore di un paio di minuti arrivati in paese…) percorrendo 32 km con 1000 di dislivello in 4 ore e 27’. Tutta esperienza per le prossime gare…
Alla fine quarto tempo di giornata e secondo posto nella classifica finale della due giorni.

Diciamo che se mi avessero detto che sarei arrivato a podio alla O’Bivwak avrei subito firmato, ma dopo la prima giornata un pensierino alla vittoria finale ammetto che ce lo avevo fatto… ;-)
Oltre al nostro secondo posto da segnalare la vittoria di Mario e Laure: un’ottima prova di squadra quindi e un altro tassello messo lungo la strada che ci porterà a Zara il 9 settembre…

RISULTATI E CARTA O'BIVWAK


Commenta

Firma:


test
 

Sponsor


Passione per lo sport ma soprattutto per chi pratica sport.



EthicSport® è un brand italiano leader nell’integrazione sportiva.



Azienda leader nel campo delle calzature e dell'abbigliamento tecnico per gli sport di montagna!


Contatti

facebook   mailto